• La voce del vino protetta dal “Tappo Bio”

    C’è qualcosa di ostinatamente fastidioso nell’involontario difetto che pregiudica l’esito di un procedimento lento e meticoloso. Potremmo paragonarlo alla nota che il soprano stecca durante un virtuosismo apparentemente collaudato attraverso una disciplina regolarmente applicata al dono della voce, in definitiva uno strumento. Simili “steccate” – prendiamo in prestito questo modo di dire dal mondo della musica – se riportate alla dimensione del vino, vengono dette “sentori di difetti”. Il più noto è il cosiddetto “sentore di tappo” di cui il principale responsabile è un fungo, un parassita della quercia da sughero. Prima di aprire una bottiglia, così come prima dell’inizio di un concerto, è impossibile sapere se il vino prenderà una “steccata”  atterrando su una nota ( per così dire ) distorta e che l’olfatto – alla stregua dell’udito raffinato – è in grado di cogliere immediatamente. La conseguenza è un concerto di equilibri rovinati, da qui la necessità di un metodo in grado di arginare il danneggiamento irreversibile della “voce” del vino.

    Continue reading La voce del vino protetta dal “Tappo Bio”

  • iSensi: nasce il nostro laboratorio sinestetico

    Cos’è un laboratorio sinestetico? Cos’è iSensi?
    Se provi a dare ascolto alla sinestesia del desiderio, oggi, non è che sia semplice capire in che modo dovresti denudarla dalle continue incursioni del quotidiano. Quello che una volta facevano i sensi, infatti, era un raccolto – paziente, lento, generoso – dedicato a una organizzazione intima e molto delicata di ciò che percepiamo ed esprimiamo quando diciamo: vita. I nostri sensi si sono moltiplicati, come per osmosi, gemmando in altre variazioni sul tema.

    Visioni, esperienze, armonie, impressioni, gesti. In tutto questo grappolo di modernità, i sensi restano l’unico vero viaggio, non senza passato, e che conserva un tratto arcaico, quel che ci rende partecipi di una stesura infinita. Alla base di un laboratorio sinestetico, quindi, c’è un’esperienza elementare, archetipica: ogni forma ha un suono, ogni suono ha un sapore, ogni sapore è legato a un gesto, ogni gesto è il frammento di un rito, ogni rito genera una visione, ogni visione è una storia. Persino il gesto semplice ed elegante di versare il vino in un calice è legato – come i grani di un rosario antico – a una somma di tradizioni, narrazioni, memorie. Tutta l’involontaria armonia del vivere, si sprigiona dalla scintilla dei sensi.

    Continue reading iSensi: nasce il nostro laboratorio sinestetico

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Cliccando sul tasto ACCETTO abiliti i cookie del sito in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi